Imu: compilazione modello F24 semplificato o ordinario. Regole ed esempio da vedere

Come compilare i modelli f24 per il pagamento Imu



L’Agenzia delle Entrate ha reso noto il nuovo modello di versamento Imu F24 Semplificato. Il modello è composto da una sola pagina e sostituisce il vecchio F24 predeterminato approvato nel 2004 per il solo pagamento dell’Ici.

Il nuovo modello, introdotto con lo scopo di agevolare i contribuenti, entrerà in vigore dal prossimo al 1 giugno  e potrà essere utilizzato per eseguire i versamenti unitari a favore dell’erario, delle Regioni e degli enti locali, tra i quali l’Imu.

L’F24 Semplificato è diviso in due parti: una per chi effettua il versamento e una per la banca/Ufficio postale/agente della riscossione. Nella sezione Contribuente bisognerà indicare i dati anagrafici e il Codice Fiscale del soggetto che effettua il pagamento.

Nella sezione Motivo del Pagamento dovranno essere indicati il destinatario del versamento, ovvero Erario (ER), Regione (RG) o Ente locale (EL); il codice tributo; e il codice Ente per il quale viene effettuato il versamento, mentre solo ai fini Imu dovranno essere compilati i seguenti campi: Acc per il versamento dell’acconto; Saldo per il versamento del saldo; se ci si avvale del ravvedimento operoso il campo Ravv; se invece sussiste una variazione agli immobili che richiede la presentazione della dichiarazione IMU, il campo Immob. Variati; l’indicazione del numero degli immobili nel campo Num. Immobil; e poi andranno indicati l’anno di riferimento cui si riferisce il pagamento; compilato il campo Detrazione per indicare la detrazione spettante e per indicare l’importo a debito dovuto, il campo Importi a debito versati (importo netto dell’IMU nel caso di cui il contribuente abbia diritto alla detrazione già indicata nella colonna di riferimento); mentre per indicare eventuali crediti utilizzati in compensazione, il campo Importi a credito compensati.

Per quanto riguarda la rateizzazione, nel campo Rateazione/mese rif. dovrà essere indicato: 0101 – nel caso di versamento dell’imposta a saldo o in unica soluzione; 0102 – nel caso di versamento della prima rata di acconto; e 0202 – nel caso di versamento della seconda rata di acconto.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il