BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri: Confartigianato chiede proroga come autotrasportatori. Governo diviso su rinvio

Confartigianato insieme agli autotrasportatori per rinvio Sistri: la situazione



Confartigianato si stringe al gruppo degli autotrasportatori e chiede un rinvio dell’entrata in vigore del nuovo Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti già slittato al prossimo 30 giugno ma che potrebbe slittare ancora al 31 dicembre 2013 e questo nuovo rinvio segue di circa un mese l’altra proroga, quella per il pagamento della quota 2012 per le aziende impegnate nel processo.

La scadenza in questo caso è stata posticipata al 30 novembre, per dare tempo ai tecnici di risolvere problemi e procedure di gestione del sistema. Il ministro dell’Ambiente Corrado Clini è, però, determinato a non derogare eccessivamente dalla data ufficiale (30 giugno 2012), mentre il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, si è mostrato favorevole a un rinvio quanto meno fino al 31 dicembre 2012.

L'associazione dell'autotrasporto Conftrasporto ha inviato al governo un dettagliato documento in cui spiega perché il sistema di tracciamento telematico dei rifiuti industriali non funziona e per cui dovrebbe esserne rinviata l’entrata in vigore.

Diversi i punti che gli autotrasportatori chiedono di rivedere, dalla disciplina del Sistri che non assoggetta i vettori stranieri che svolgono trasporti transfrontalieri ai propri obblighi, consentendo loro di operare una concorrenza sleale rispetto ai vettori italiani, alle iscrizioni complesse, profili operatori contenuti in Sistri errati, trasformazioni e/o integrazioni complicate se non addirittura impossibili, ai dispositivi Usb operatori, di cui molti non funzionano dal punto di vista hardware e tantissimi non sono configurati bene in centrale, per cui non riescono ad accedere o comunque hanno profili sbagliati (soprattutto gli impianti), alla firma digitale ritenuta illegale, cioè non una vera firma digitale ma una semplice firma elettronica priva di qualsiasi sistema di sicurezza (in attesa del resoconto di DigitPA), ai numerosissimi e frequenti cambiamenti non documentati o documentati in maniera insufficiente.

Polemico nei confronti del nuovo sistema anche Giovan Battista Donati di Confartigianato Arezzo che, in un recente incontro con il ministero dell'Ambiente, ha già chiesto il rinvio dell'entrata in operatività del sistema al 31 dicembre, in modo da consentire un superamento del Sistri e la definizione di ‘un nuovo sistema di tracciabilità ispirato a criteri di efficienza/efficacia, semplicità ed economicità’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il