BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: come e quando pagare. Aiuto per calcolo e compilare modulo f24 gratis da Poste, Caf e Codacons

Imu 2012: come calcolarla e come pagarla. L’aiuto di Caf e Codacons



Manca ormai davvero poco al primo pagamento dell’acconto Imu 2012, in scadenza il 18 giugno. Per il saldo del 2012, la scadenza è fissata al 17 dicembre 2012. L'Imu per l'abitazione principale (e pertinenze) si potrà pagare in tre rate, di cui il 33% entro il 18 giugno 2012, il 33% entro il 17 settembre 2012 e il saldo con l'eventuale conguaglio si dovrà versare entro il 17 dicembre 2012.

Ma si può anche decidere di pagare l’Imu in due rate. La rateizzazione vale però solo per i possessori di prima casa e rappresenta un’opzione per agevolare i proprietari di casa, che, nel caso non avessero problemi di pagamenti, potrebbero comunque versare l’Imu in due rate.

Decidere, dunque, di pagare in due o tre rate sarà a discrezione del contribuente, ma sarà un’opzione valida solo per questo 2012. Inoltre, il primo pagamento Imu si effettuerà con l’acconto di giugno che sarà calcolato con le aliquote di base e la detrazione già fissata per la prima abitazione.

Ciò significa che per l'anno 2012, il pagamento della prima rata dell'imposta municipale dovrà essere effettuato senza applicazione di sanzioni ed interessi. Per pagare la tassa sulla casa si potranno utilizzare i modelli telematici F24 che sono stati aggiornati, sostituendo la dicitura ‘Ici’ con ‘Imu’ e sono stati anche istituiti i codici necessari per il versamento dell'imposta, inclusi gli interessi e le sanzioni in caso di ravvedimento.

Il nuovo modello F24 è disponibile, in versione cartacea presso banche, Poste e agenti della riscossione, mentre in formato elettronico è disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate. In un primo momento, però, l’Imu si potrà anche pagare con bollettino di c/c postale, ma solo dal primo dicembre, quindi unicamente per il saldo.

Per il calcolo dell'importo della tassa, i contribuenti dovranno moltiplicare per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicare l'aliquota di base, che è del 4 per mille sulla prima casa e del 7,6 per mille su tutti gli altri immobili, togliere le detrazioni forfettarie, che sono pari a 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni.

Fino poi al prossimo mese di dicembre, però, i Comuni avranno facoltà di decidere le loro variazioni che possono essere il 2 per mille in più o in meno per la prima casa (quindi dal 2 al 6 per mille) e il 3 per mille in più o in meno sugli altri immobili (per i quali l'Imu può variare, dunque, da un minimo dello 0,46% al massimo dell'1,06%).

Considerando i non pochi problemi che il calcolo Imu sta creando, i Comuni hanno realizzato software di calcolo che i contribuenti potranno tranquillamente usare per calcolare la tassa da pagare, in molte città i CAF rimarranno aperti anche sabato, quindi il 9 e 16 giugno per aiutare i cittadini a compilare i modelli per il pagamento Imu.

Ed anche Poste Italiane ha messo a disposizione la compilazione online del modello F24,  disponibile per tutti, mentre i clienti di BancoPostaOnline e BancoPosta Click possono pagare direttamente online con l’addebito sul conto.

Per pagare l’Imu si può anche scegliere di andare in banca, dove in genere si trova anche il relativo modello F24 o più semplicemente compilare in pochi click il modello già presente con l’aggiornamento Imu dal portale di home banking da cui si effettua il pagamento con addebito su conto.

In aiuto dei cittadini si è mosso anche il Codacons, che ha lanciato in tutta Italia un innovativo servizio telefonico per aiutare i cittadini alle prese con l’Imu. Chi deve calcolare l’importo dell’Imposta Municipale Unica  da versare allo Stato, potrà farlo velocemente con una semplice telefonata al numero 892.007 (info e costi su www.892007.it ): un team di esperti comunicherà al contribuente l’esatto importo da pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il