BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi euro: 3 mesi per salvare moneta unica secondo Lagarde. Cosa è necessario

Per il direttore dell’Fmi meno di tre mesi per salvare l’euro



L’Italia potrebbe essere a rischio contagio: a lanciare l’allarme le banche tedesche e la stampa Usa, ma mentre il governo parla di forzature, l'Istat mostra un'Italia in recessione con un -1,4% il pil in un anno.

E il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde lancia un altro allarme: meno di tre mesi per salvare l'euro. Per il direttore dell'Fmi “Se saranno necessarie ulteriori misure per salvare l’euro, devono essere varate subito, in meno di tre mesi.  E l'uscita o meno dalla Grecia dall'euro è a questo punto una questione di determinazione politica”.

Lagarde ha poi chiarito: “Non sto fissando un termine ultimo entro il quale tutta la situazione debba sbrogliarsi” e ha spiegato: “I mercati ritengono che stia avvenendo troppo lentamente e questo è ovviamente il messaggio che mandano”.

Per ristabilire una sorta di integrazione politica bisogna innanzitutto puntare ad una garanzia unica per i depositi bancari europei, perchè in assenza di questo strumento, rischia di pagare di più anche chi si è comportato bene. Bisogna poi garantire accesso diretto al Fondo salva-Stati (Efsf) da parte degli istituti di credito, e procedere poi ad una unificazione dei debiti pubblici europei distinguendo, Paese per Paese, il carico degli interessi ma neutralizzando così l'azione della speculazione sui tassi dei titoli sovrani dei Paesi del Sud Europa.

Perché questa unificazione diventi realtà, chi governa i singoli Paesi (Francia e Germania comprese) deve avere la capacità di far capire i benefici di breve e medio termine che si possono ottenere scegliendo questra strada.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il