BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Terremoto Emilia Romagna: oggi 13 Giugno ancora scosse. Le previsioni

Ancora terremoti nella notte in Emilia: la situazione



Continua a tremare la terra in Emilia: sono state contate in tutto 1.219 scosse dal 20 maggio fino a mattina per il sisma che ha colpito l'Emilia, il Mantovano e il Rodigino, sette delle quali di magnitudo superiore a 5, secondo quanto reso noto dall'assessore alla Protezione civile dell'Emilia-Romagna, Paola Gazzolo, e se ieri sono state in tutto otto le scosse di terremoto registrate in Emilia, la più forte è stata alle 3:48 con magnitudo 4.3, e le altre hanno avuto magnitudo comprese tra i 2.1 e 2.8 gradi della scala Richter, sono state nove le scosse di terremoto registrate nella notte in Emilia.

Secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), delle scosse avvenute tra la mezzanotte e le 5:20 di oggi la più forte è stata alle 3:26 con magnitudo 2.8, ipocentro a 4,9 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni mantovani di Moglia e San Giacomo delle Segnate, e di quelli modenesi di Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Mirandola, Novi di Modena e San Possidonio.

Secondo scienziati come Giovanni Gregori, geofisico del Consiglio Nazionale delle Ricerche, l'Italia si sta muovendo ruotando in senso antiorario, la parte sud della crosta terrestre spinge contro la parte nord, ma incontrando resistenza intorno alla zona dello Stretto di Messina che fa perno, ruota e si incastra sotto le Alpi.

E' il movimento innescato dalla faglia adriatica, o per meglio dire da quella Africana, di cui la parte adriatica è quella più settentrionale. Prevedere i terremoti, come ha spiegato chiaramente anche la Commissione Alti Rischi, non si può, ma si possono studiare le dinamiche che portano agli eventi sismici e le probabilità che essi accadono.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il