BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri: proroga è ufficiale in Decreto Sviluppo 2012 di Venerdì 15 Giugno

Sistri prorogato: soddisfatti e contrari



Il Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti, alla vigilia della sua partenza ufficiale, il prossimo primo luglio, ha subito uno stop da parte del governo per verifiche definitive.

La decisione della sospensione è stata dunque presa effettuare le verifiche richieste dopo il parere del Digitpa (Ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione) sulla funzionalità del sistema al quale il ministero, allora sotto la guida di Stefania Prestigiacomo, si era rivolto nel maggio del 2011 a seguito delle difficoltà operative riscontrate nella fase di avvio sperimentale.

Il parere di Digitpa, in particolare, solleva una serie di questioni in merito alle procedure seguite da parte del ministero per l'affidamento a Selex-Finmeccanica, della progettazione e realizzazione del Sistri, in merito ai costi ed al funzionamento del sistema.

Ad annunciare la decisione è stato il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, che ha detto che “la sospensione del Sistri avverrà attraverso il prossimo decreto legge che stiamo varando”. Il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, ha invece comunicato di aver “chiesto la sospensione e non un'altra proroga al Consiglio dei Ministri in attesa di arrivare a verifiche decisive. Di proroga in proroga l'Italia è senza tracciabilità dei rifiuti come chiede invece l'Europa”.

Nonostante l’appoggio di Assintel, Confcommercio, Confartigianato e l’associazione di autotrasportatori abbiano spinto per ottenere una proroga dell’entrata in vigore di un Sistri ancora pieno di lacune, c’è chi, invece, è contro la proroga, come la Uilm.

Il segretario nazionale Giovanni Contento, ha, infatti, parlato di “virata improvvisa da parte del Governo sulla spinta della lobby del trasporto su gomma che parla di un servizio che fa lievitare i costi della burocrazia, ma che in realtà serviva proprio ad abbattere quei costi una volta andato a regime”. Per Contento, “il sistema di tracciabilità dei rifiuti messo a punto dalla Selex Service Management sarebbe stato utile per la lotta alle eco-mafie”.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il