BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi Euro: Grecia deve rimanere. Previsioni elezioni 17 Giugno 2012

Grecia fuori dall’euro? Rischi e conseguenze



Si deciderà il 17 giugno il futuro di Atene e le prossime mosse per il futuro dell’euro, il prossimo 17 giugno quando ci saranno le elezioni in Grecia che decreteranno cosa accadrà al Paese.

I sondaggi segnano parità, con l'ultima rilevazione informale  che dà il 22% dei voti al pro-europeo Nea Dimokratia e il 22,7 alla formazione di sinistra radicale Syriza, del tutto contrario ad appoggiare il piano di aiuti al Paese. Se dovesse vincere Syriza, ottenendo circa 130-135 seggi su 300, dovrà trovare un partito come la Sinistra democratica o il Pasok che lo appoggi al governo.

Il leader della sinistra greca, Alexis Tsipras, non ha mai nascosto di voler abolire il programma di austerity dell'Fmi e dell Ue, legato sugli aiuti concessi alla Grecia, ma Syiriza non ha mai fatto campagna esplicita contro l'euro, solo contro il memorandum visto che il 75% dei greci vuole restare nell'euro.

Un governo guidato da Syriza porterebbe ad una rinegoziazione dei termini (interessi più bassi e con più tempo per ripagarli) dei prestiti internazionali, ma probabilmente aumenterebbe anche il rischio di uscita dall'euro, si potrebbero verificare scontri tra i leader di Syriza e la troika e questo potrebbe portare alla fine della Grecia nell’euro e al ritorno alla dracma.

Ma i sacrifici a breve termine possono rendersi necessari ed essere anche inevitabili, a seconda della portata degli squilibri fiscali iniziali e dell'entità delle debolezze strutturali, per ottenere poi vantaggi a lungo termine di una crescita più forte.

Se, invece, dovesse vincere Nuova Democrazia del conservatore Antonis Samaras, nonostante aiuti e appoggi, ci sarebbe anche in questo caso il 25% di possibilità entro un anno di un'uscita dall'euro per mancanza di stabilità politica.

C’è però da considerare che la maggioranza della popolazione greca si rende perfettamente conto delle devastanti implicazioni di un'uscita dall'euro ed ecco perché tra il 70 e l'80% della popolazione greca, secondo recenti sondaggi, vuole che il Paese resti nella zona euro.

E tutti si stanno muovendo e impegnando per scongiurare l’uscita di Atene dall’euro, perché questo evento destabilizzerebbe l’Ue in generale, come frutto di lavoro insieme, di comunità socio-politica costituita per una forte compatezza e stabilità. Cose che in questi ultimi mesi stanno venendo decisamente meno. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il