BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Banca Network: blocco di tutti i conti correnti. Soluzione deve arrivare da Banca d'Italia

Blocco conti Banca Network: come risolvere la situazione?



Banca Network, istituto nato da una costola della Popolare di Lodi di Gianpiero Fiorani, ora in mano a due commissari nominati dalla Banca d'Italia, ha bloccato i conti di 30mila clienti senza preavviso.

Sul sito della banca appare, infatti, solo un comunicato in cui si spiega che la misura si è resa necessaria per fronteggiare la situazione di difficoltà. Inoltre, si legge che i commissari con il parere favorevole del comitato di sorveglianza e previa autorizzazione della Banca d'Italia, hanno deliberato la sospensione del pagamento delle passività di qualsiasi genere per un mese.

Lo stop non comprende gli strumenti finanziari della clientela. Dallo scorso mese di novembre 2011, infatti, la Banca è in amministrazione straordinaria, governata da due commissari nominati dalla Banca d'Italia, gli stessi che hanno deciso lo stop ai pagamenti.

I conti di Banca Network, che ha come azionisti la Sopaf dei fratelli Magnoni, il Banco Popolare, De Agostini e l'assicurazione Aviva, raccontano una situazione sull'orlo del fallimento, in cui per ora a rimetterci sono i clienti.

Il blocco dei pagamenti, in realtà, è una misura provvisoria che dovrebbe protrarsi fino a fine mese, ma che qualcuno ipotizza si possa allungare per ulteriori 60 giorni.

Intanto esplode la rabbia dei correntisti della banca che si sono visti bloccare i propri soldi: “Non sono più padrone dei miei soldi”. Queste le parole di Massimo, uno dei 30mila risparmiatori a cui Banca Network dal 31 maggio scorso ha bloccato il conto, che ha anche specificato: “A casa non è arrivata nessuna comunicazione, telefonate o avvisi via mail. Niente”.

Ora si attende il via libera della Banca d'Italia alle offerte della Cassa di Risparmio di Ravenna e della Sim modenese Consultinvest per la commissariata Banca Network Investimenti. La prima offerta riguarda le attività bancarie dell'istituto in difficoltà, la seconda la rete dei promotori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il