BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: ravvedimento operoso per ritardo. Calcolo e compilazione modello per pagare dal 19 Giugno

Sanzioni Imu da pagare in caso di versamento in ritardo: quanto si paga e come



Era ieri, 18 giugno, l'ultimo giorno utile per pagare la prima rata dell'Imu 2012 senza incorrere in sanzioni. I proprietari di prima casa hanno scelto se pagare in due rate, con il saldo al 16 dicembre (che slitta a lunedì 17), o in tre rate, utilizzando la data del 16 settembre (fino a lunedì 17 settembre).

Se il contribuente ha scelto due rate, entro ieri avrebbe dovuto pagare il 50% dell'imposta base; se ha scelto tre rate, entro ieri dovrà aver versato il 33% del totale. L’Imu 2012 si paga con il modello F24, indicando i codici 0101 per le due rate o 0102 per le tre rate.

La rateizzazione vale solo per l'abitazione principale; per gli altri immobile si potrà solo pagare in due rate. Chi non è riuscito a pagare ieri l’imposta sulla casa, dovrà sottostare a sanzioni e, nel caso in cui si decidesse per il ravvedimento operoso, la tassa diventerà più cara a seconda dei giorni di ritardo entro cui si effettua il versamento.

Nel caso in cui il ritardo oscilla tra 1 e 14 giorni, si applica una sanzione ridotta dello 0,2% dell’imposta per ogni giorno di ritardo più gli interessi di mora calcolati sul tasso di interesse legale annuo (ora è del 2,5%, ma i comuni possono alzarlo fino al 5,5).

Per calcolare con esattezza l’entità della cifra che si intende ‘ravvedere’, bisogna prima moltiplicare l’importo dell’imposta per il numero di giorni di ritardo e poi moltiplicare il tutto per il tasso di interesse legale annuo. Il risultato, poi, va diviso per 36.500.

Se il ritardo è compreso tra i 15 e i 30 giorni, è prevista una sanzione fissa del 3% a cui vanno aggiunti i soliti interessi di mora che scattano con decorrenza 18 giugno, mentre se il ritardo dovesse superare i 30 giorni, è prevista una sanzione del 3,75% più gli interessi che decorrono sempre dalla data della prima scadenza dell’acconto.

Il contribuente può incorrere in sanzioni anche se il pagamento Imu presenta omissioni o errori: se sarà il cittadino ad accorgersi dell’errore, il legislatore prevede il ‘ravvedimento operoso’, entro un anno, pagando il 3,75%. Nel caso in cui sia l’amministrazione ad accorgersi dell’errore, si applica una sanzione dal 50 al 100% della maggiore imposta dovuta.

I versamenti andranno comunque sempre effettuati con il modello F-24. Intanto arriva anche l’appello di Daniela Santanchè che dice agli italiani “di non pagare questa tassa ma di aspettare. Diamo il tempo al governo per il ravvedimento operoso. Vediamo cosa succede, anche perchè ad oggi nessuno sa quanto dovrà pagare esattamente all'altra rata di dicembre. E' impensabile. Non è nè uno sciopero fiscale, nè una disobbedienza civile. Si tratta semplicemente di una legittima difesa, ovvero decidere di poter pagare l'Imu più avanti, così diamo più tempo al governo per il ravvedimento operoso”.


Per ravvedimento, calcolo e compilazione modello cliccare qui:


http://www.dossier.net/guida/ravvedimento02.htm


Per fare calcolo ravvedimento operoso su prima, seconda casa, terreni e negozi cliccare qui:


http://www.amministrazionicomunali.it/imu/calcolo_imu_23.php

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il