BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2012 e studi di settore: novità su Gazzetta ufficiale per correttivi crisi economica

Le novità studi di settore per dichiarazione dei redditi 2012: cosa prevedono



Sono stati resi disponibili online 206 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti per l’applicazione degli studi di settore per il periodo d’imposta 2011, riferiti alle singole attività economiche e professionali, da trasmette con la dichiarazione dei redditi modello Unico 2012.

L'analisi dell'impatto della crisi che sta attanagliando l’economia intera del Paese e le attività produttive ha permesso di rimettere in discussione e rivalutare alcuni parametri come la contrazione più significativa di margini e redditività, il minor grado di utilizzo di impianti e macchinari, le riduzioni delle tariffe per le prestazioni professionali, l'aumento del costo del carburante, gli andamenti congiunturali negativi differenziati per territorio, la ritardata percezione dei compensi da parte dei professionisti.

In seguito all’analisi sono derivati gli interventi sulla normalità economica; correttivi specifici per la crisi; correttivi congiunturali di settore e correttivi congiunturali individuali.

Con il decreto del 13 giugno 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 il 16 giugno scorso, è stata approvata, per il solo periodo di imposta 2011, la revisione congiunturale speciale degli studi di settore riguardanti attività economiche nel settore delle manifatture, servizi, attività professionali e del commercio, al fine di tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati.

I contribuenti che, per il periodo d’imposta 2011, dichiarano, anche a seguito dell’adeguamento, ricavi o compensi di ammontare non inferiore a quello risultante dall’applicazione degli studi di settore integrati con i correttivi approvati con il decreto, non sono assoggettabili, per tale annualità, ad accertamento.

Dopo il Dm 13 giugno 2012, l’Agenzia delle entrate ha dato via libera a 206 modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore relativi alle attività economiche nel settore delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio da utilizzare per il periodo d’imposta 2011, da presentare con Unico 2012. In particolare i modelli approvati riguardano: 51 studi per attività economiche del settore delle manifatture, 61 studi per attività economiche del settore dei servizi, 24 studi per attività professionali e infine 70 studi per attività economiche del settore del commercio.

Disponibile on line anche la versione definitiva del software Gerico, con cui effettuare il calcolo della congruità e coerenza economica per i 206 modelli di studi di settore del periodo di imposta 2011, approvati dall’Agenzia delle entrate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il