BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi euro: banche spagnole chiedono 62 miliardi. Aiuti in arrivo

La Spagna chiede aiuti: fabbisogno inferiore alle aspettative



Ammonterebbe a 62 miliardi il fabbisogno di capitali delle banche spagnole in grave crisi finanziaria, secondo un'attesa analisi indipendente. Il dato risulta comunque più basso delle aspettative di molti economisti, che rimane pur sempre una cifra importante ma al di sotto dei 100 miliardi offerti dall'Europa.

Il governo di Mariano Rajoy aveva annunciato all'inizio del mese che avrebbe chiesto sostegno europeo per la ricapitalizzazione degli istituti di credito una volta conosciuta la stima delle due società indipendenti. Il premier spagnolo ha chiesto aiuti al più presto, giudicando credibili e gestibili le stime sul fabbisogno delle banche.

Le grandi banche, Santander e Bbva in primis, non dovrebbero avere problemi anche se i dati individuali si sapranno solo a settembre. Già all'eurogruppo del 9 luglio, spiega il commissario Ue Olli Rehn al termine della riunione, potrebbero essere definiti i dettagli del piano che vedrà comunque l'utilizzo del fondo europeo Efsf che passerà la mano all'Esm quando, a luglio, questo dovrà entrare in funzione.

A Madrid subito dopo la chiusura dei mercati, il segretario di stato all'economia Fernando Latorre e il vicegovernatore della Banca Centrale Fernando Restoy hanno presentato i risultati degli stress test redatti dai due revisori indipendenti Oliver Wymann e Roland Berger 'imposti' dall'Ue (uno americano l'altro tedesco) che parlano solo di dati aggregati, allo scopo di lanciare un primo segnale tranquillizante e Oliver indica così fra i 16 e i 25 miliardi di euro le necessità di capitale a carico delle banche iberiche mentre Roland Berger indica 25,6 miliardi di euro.

Nello scenario peggiore invece Oliver scrive 51-62 miliardi mentre Roland parla di 51,8 miliardi. Le cifre sono quindi ‘gestibili’ assicura il rappresentante del governo. Pronta ad andare in soccorso di Madrid anche la Bce.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il