BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2012: software Gerico per controllo congruità studi di settore con dichiarazioni redditi

Disponibile la nuova versione di Gerico



E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che ha approvato i correttivi anticrisi del software Gerico, relativi alla dichiarazione dei redditi 2012. L’Agenzia delle Entrate ha reso finalmente disponibile la versione aggiornata di Gerico.

Con l'aggiornamento degli applicativi il software servirà per verificare la posizione del contribuente, valutare la possibilità di un adeguamento anche alla luce delle nuove norme premiali, o l'esistenza di plausibili giustificazioni al disallineamento da indicare nel campo delle annotazioni. I correttivi sono stati approvati in relazione alla condizione di crisi che Italia e contribuenti stanno vivendo.

Due i correttivi anti crisi: oltre a quelli specifici, legati in particolar modo all'incremento del costo del carburante per il settore dei trasporti, assumono importanza quelli congiunturali, che siano di settore o individuali. I correttivi di settore sono stati determinati effettuando una proiezione dei dati del 2010 sul 2011, attingendo le informazioni dell'andamento per microsettori da una indagine Prometeia e correlandole con i dati delle comunicazioni Iva e delle dichiarazioni Iva presentate entro febbraio 2012.

Per i contribuenti che non dichiarano correttamente i dati richiesti per l’applicazione degli studi di settore, entrano in vigore sanzioni più onerose rispetto al passato. In particolare: in caso di omessa presentazione del modello, si applica la sanzione amministrativa pari a 2.065 euro, che corrisponde al massimo importo previsto per le violazioni relative al contenuto e alla documentazione delle dichiarazioni; in caso di accertamento effettuato sulla base delle risultanze degli studi di settore, la sanzione massima e minima, prevista per l’ipotesi di dichiarazione infedele ai fini delle imposte sui redditi, dell’Iva e dell’Irap, è elevata del 50% quando viene omessa la presentazione del modello di comunicazione dei dati rilevanti per l’applicazione degli studi di settore.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il