BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Affitto casa: nuove regole 2012. Non va più comunicato a Comune o Vigili e Carabinieri

Nuove regole affitto case: cosa prevedono



Non sarà più necessario comunicare all'autorità di pubblica sicurezza, Comune, Vigili o Carabinieri, le generalità dell'affittuario nel momento in cui si affitta un immobile. La novità è contenuta nel decreto legge 20 giugno 2012 numero 79 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 20 giugno.

Sarà l'agenzia delle Entrate, sulla base di apposite intese con il ministero dell'Interno, a individuare tra le informazioni da essa acquisite nel momento della registrazione di un contratto di affitto o di comodato, quelle da trasferire agli Interni in via telematica.

Questa procedura sarà applicata ai contratti di locazione o di comodato soggetti all'obbligo di registrazione in termine fisso. Per tutti i contratti di locazione e di comodato di fabbricati o di porzioni di fabbricati, sia ad uso abitativo sia ad uso diverso dall'abitativo, per i quali è obbligatoria la registrazione, non è più dovuta la comunicazione di cessione di fabbricato, prevista da un provvedimento del 1978 in caso di permanenza nell'immobile superiore a un mese.

La registrazione del contratto, infatti, 'assorbe' l'obbligo in questione, secondo quanto reso noto da Confedilizia. Negli altri casi (come i contratti di comodato verbali), l'obbligo di comunicazione all'Autorità locale di pubblica sicurezza (o, in mancanza, al Sindaco) permane, ma, prevede la nuova normativa, potrà essere assolto anche in via telematica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il