BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Azioni banche: investimento consigliato se crisi euro rallenta

Crisi euro e ripresa settore bancario: situazione e condizioni



I mercanti sono ancora troppo altalenanti, l’andamento dello spread imprevedibile e gli occhi sono tutti puntati sul prossimo vertice Ue che si terrà il 28 e il 29 giugno.

Solo allora, probabilmente, l’economia della zona Euro tornerà a stabilizzarsi, grazie a quelle misure fiscali, monetarie e bancarie che potrebbero portare ad una stabilizzazione dei Paesi ora decisamente in difficoltà. Intanto, la volatilità della Borsa di questa ultima settimana indica molto chiaramente la diffidenza nei confronti del settore bancario europeo e verso le possibilità di tenuta delle economie periferiche, fra cui l’Italia stessa.

Ma potrebbe esserci una sorpresa: il settore bancario, il più penalizzato negli ultimi anni e il più reattivo alle notizie, sia in positivo che in negativo, rappresenta una buona occasione per chi è disponibile a scommettere che nel prossimo week end i leader europei prenderanno le misure giuste per salvare l'Unione monetaria.

Non si tratta di una certezza, cioè le misure che riusciranno a prendere i leader Ue non si sa se andranno a centrare gli obiettivi fissati, ma così dovesse essere probabilmente proprio il settore bancario che più fa paura ora potrebbe essere il migliore su cui puntare. Tutto dipende, dunque, dall’andamento delle difficoltà dell’euro.

E’ innegabile infatti, che la crisi del debito sovrano nell'area dell'euro ha generato crescenti tensioni nel settore bancario europeo nella seconda metà del 2011. Ciò ha rispecchiato l'incertezza legata all'esposizione delle banche al rischio di credito sovrano e i dubbi sulla capacità dei governi di sostenere gli istituti in difficoltà. Tutto sta ora a superare questi dubbi e le incertezze.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il