BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma Sanità nel Decreto Spending Review 2012: nessun taglio. Le novità possibili

Le proposte per una nuova riforma della Sanità: cosa prevedono



Rientra nel decreto sulla spending review la nuova riforma sulla Sanità pronta ad arrivare in consiglio dei Ministri il prossimo 2 luglio. Dovrebbero rientrare in un unico provvedimento sia i tagli suggeriti dal commissario alla spending review, Enrico Bondi, sia i provvedimenti messi a punto dal ministro della Salute, Renato Balduzzi, che vanno dalla revisione della filiera del farmaco, alla responsabilità professionale dei medici, al regime intramoenia. Nessun taglio, dunque, previsto per il mondo della sanità.

Obiettivo del governo è definire entro l'inizio di luglio un pacchetto di misure che porti un risparmio di almeno 6-7 miliardi da qui a fine anno (12-14 miliardi a regime) per evitare l'aumento dell'Iva, finanziare alcune esigenze scoperte (come le missioni di pace e il 5 per mille dell'Irpef) e i primi interventi per la ricostruzione dell'Emilia-Romagna dopo il terremoto.

Tra le altre misure attese per la Sanità, la proroga del regime intramoenia per i medici, l'aumento della quota della spesa farmaceutica ospedaliera dal 2,4 al 3,6% della spesa complessiva per i farmaci, con la contestuale riduzione del tetto alla spesa territoriale (attraverso le farmacie) dal 13,3 al 12,1% del totale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il