Piano Van Rompuy e Draghi Ue-Bce: misure e proposte contro crisi euro. Critiche e commenti

Il piano europeo contro la crisi: cosa prevede e reazioni



Un piano ‘coraggioso e abile’ ma anche fortemente criticato: la riforma dell'Ue preparata dai presidenti del Consiglio Europeo Herman van Rompuy, della Bce Mario Draghi, dell'Eurogruppo Jean Claude-Juncker e della Commissione Ue Josè Manuele Barroso si propone di porre le basi per approfondire i legami fra i governi e rafforzare i Patti per assicurare il benessere economico-sociale, rafforzando fortemente anche i poteri dell’Ue e proponendo una maggiore integrazione dell’area euro.

Il documento è arrivato ieri e sarà uno dei due dossier caldi del vertice Ue che si apre domani a Bruxelles. L’altro è il pacchetto per la crescita, con 120 miliardi di impieghi che si spera saranno generati dal combinato disposto dell’aumento di capitale della Bei, i primi project bond, e il riorientamento mirato dei fondi strutturali non spesi.

Italia, Francia e Spagna spingono per un immediato intervento anti antispread, e mentre si punta ad un’Unione bancaria, con l’obiettivo è blindare la vigilanza comune e dunque la tenuta delle 8000 banche continentali, evitando terremoti come quello che ha appena colpito la Spagna, Berlino torna a ribadire fortemente il suo agli eurobond e alla condivisione del debito sovrano.

Il piano prevede, inoltre, la costituzione di un fondo di risoluzione per tenere in piedi le banche che falliscono. Secondo il documento, l’Europa dovrebbe avere più potere di controllo e indirizzo sui bilanci nazionali, per costringere gli stati a essere virtuosi, intervenendo su manovre e emissioni, bloccando i collocamenti di titoli giudicati eccessivi. Inoltre, studierà formule di finanziamento comune del debito, come gli eurobond o il fondo di redenzione che collettivizzi il debito oltre il 60% del pil.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il