BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: pagamento e calcolo con ravvedimento operoso al 0,2% per ritardo. Scadenza il 29 Giugno

Scade il 29 giugno la prima data per ravvedersi se non si è pagata la prima rata Imu: come fare



Chi non ha pagato il primo acconto Imu entro il termine fissato del 18 giugno avrà tempo ora fino a sabato 29 giugno per ‘ravvedersi’ e pagare la prima rata Imu con una mini-sanzione.

Il cosiddetto ravvedimento operoso permette ai cittadini di mettersi in regola con una penalità pari allo 0,2% al giorno dell'importo non versato per chi paga entro 15 giorni dalla scadenza. Per calcolare con esattezza l’entità della cifra che si intende ‘ravvedere’, bisogna moltiplicare l’importo dell’imposta per il numero di giorni di ritardo e poi moltiplicare il tutto per il tasso di interesse legale annuo.

Il risultato, poi, va diviso per 36.500. Se il ritardo è compreso tra i 15 e i 30 giorni, è prevista una sanzione fissa del 3% a cui vanno aggiunti i soliti interessi di mora che scattano con decorrenza 18 giugno, mentre se il ritardo dovesse superare i 30 giorni, è prevista una sanzione del 3,75% più gli interessi che decorrono sempre dalla data della prima scadenza dell’acconto.

Per le sanzioni e gli interessi deve essere utilizzato il codice tributo dell'Imu. Ricordiamo che il pagamento dovrà essere effettuato sempre il modello F24.


Per il calcolo del ravvedimento e compilazione modello cliccare qui:


http://www.dossier.net/guida/ravvedimento02.htm

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il