BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: dal 1 luglio conto corrente obbligatorio. Stop contanti

Stop alle pensioni in contanti: sarà obbligatorio aprire un conto. Come fare



Sarà in vigore dal prossimo primo luglio il divieto di pagare le pensioni in contanti se superano la somma di mille euro, per cui diventerà di conseguenza anche obbligatorio per i pensionati dotarsi di un conto corrente, bancario o postale, o di un libretto postale o carta prepagata per poter riscuotere la loro pensione.

Per evitare di trovarsi senza pensione dal prossimo mese, sarà meglio che ogni pensionato che riceve una pensione superiore ai mille euro scelga quale strumento elettronico utilizzare, tra quelli bancari e postali, includendo anche le carte prepagate.

Per aprire un conto ci si potrà direttamente rivolgere a banche, alle Poste o all’Inps, per cui chi è in possesso del codice Pin per i servizi telematici, può optare tra banca, posta ecc, sul portale dell’Istituto nazionale di previdenza sociale.

Per chi non avesse dimestichezza con gli strumenti informatici, il consiglio è recarsi personalmente e direttamente presso gli uffici territoriali dell’Inps. Ricordiamo, comunque, che per i pensionati, ma non solo, è arrivato il nuovo conto corrente base gratis riservato alle categorie sociali svantaggiate, cioè coloro che hanno un Isee, Indicatore della situazione economica, fino a 7.500 euro all’anno, e ai pensionati con rendita fino a 1.500 euro al mese, proposti da Poste Italiane, Intesa Sanpaolo, Unicredit, Ubi, Bpm, Mps.

Due i conti base, Conto A e Conto B: il primo è quello di base del tutto gratuito per chi ha un’Isee fino a 7.500 euro, mentre il secondo è quello gratuito per i pensionati fino a 1.500 euro al mese. C’è poi una terza possibilità: il Conto A a pagamento.

Il deposito di base gratis può essere scelto, infatti, anche da chi non è nella fascia svantaggiata, a patto che paghi il bollo (34,20 euro) e un canone annuo minimo, di cui però ancora non si conosce la cifra anche se per certo si sa che dovrebbe essere certamente inferiore a quello dei conti tradizionali.

I tre conti base hanno due caratteristiche: rendimento zero e limitata operatività. I titolari di questi conti non potranno andare in rosso; avere un conto titoli collegato; avere il libretto degli assegni, ma potranno quando vorranno prelevare, incassare, ritirare soldi gratuitamente anche ai Bancomat di banche diverse dalla propria, operazione disponibile solo con il Conto A e non prevista dal Conto B, che prevede anche il pagamento di tutti i bonifici effettuati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il