BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vertice Ue Giugno 2012: le novità approvate. Scudo spread e pacchetto incentivi per la crescita

Accordo anti-spread e ricapitalizzazione banche: le misure del vertice Ue. Soddisfatto il premier Monti



In occasione del vertice Ue iniziato ieri, i leader dell’eurozona hanno concordato un pacchetto di misure, che apre ad un meccanismo anti-spread e alla ricapitalizzazione diretta delle banche da parte del fondo europeo salva stati, con il quale sperano di rassicurare i mercati, frenare la speculazione e ridare stabilità all'euro.

Per quanto riguarda i tempi di applicazione dell’intesa, le decisioni sul meccanismo anti-spread dovranno essere applicate entro l'Eurogruppo del 9 luglio prossimo, mentre la road map finale sul rafforzamento dell'Unione monetaria sarà presentata ad ottobre.

Il presidente Herman van Rompuy al termine del vertice ha spiegato “Abbiamo concordato qualcosa di nuovo. La prima è che con le decisioni prese, le nostre banche potranno essere presto ricapitalizzate direttamente dal fondo salva Stati, sotto certe condizioni, e potranno avere un'unica sorveglianza, con il pieno coinvolgimento della Bce.

La seconda è che abbiamo aperto alla possibilità che i paesi che si comportano bene usino il fondo Efsf-Esm per assicurare i mercati. Le due decisioni rispondono alle richieste di Italia e Spagna che hanno subito tolto la riserva che avevano posto al Vertice Ue sul patto per la crescita e il lavoro, in nome di misure immediate per la stabilità finanziaria”.

L'intesa prevede che il fondo salva-stati dell'Unione (Esm) intervenga in maniera automatica nel caso in cui gli spread di una nazione virtuosa superino una determinata soglia ancora da stabilire. Soddisfatto il premier italiano Mario Monti. Anche la cancelliera tedesca Angela Merkel ha parlato di ‘un buon risultato raggiunto’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il