BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spending Review: i tagli possibili tra mobilità dipendenti pubblici, tredicesime, buoni pasto

I tagli che colpiranno pubblico impiego e sanità: cosa prevedono



Il piano di tagli messi a punto dal commissario Enrico Bondi prevede un ‘risparmio’ di cinque miliardi quest’anno , 12 nel 2013 e 13 nel 2014. Trenta miliardi in tre anni che servono anzitutto a scongiurare, il 30 ottobre, l’ennesimo aumento dell’Iva.

Il piano di Bondi prevede tagli all’acquisto di beni e servizi nella pubblica amministrazione; di tagli dei ministeri e una stretta sul pubblico impiego, con l’ipotesi di mobilità che potrebbe essere premessa ai licenziamenti; della riduzione delle piante organiche del 20% per i dirigenti e del 10% per gli altri dipendenti, pensionamento obbligatorio o esonero dal servizio per chi è in esubero con almeno 40 anni di contribuzione fino al 2011.

Previsto anche un blocco del turn over. Ma il decreto tagli dovrebbe, inoltre, prevedere l’abolizione di alcune province da attuare con tagli in base ad abitanti, estensione e Comuni compresi, una riduzione delle tredicesime e dei buoni pasto dei dipendenti statali.

La misura dovrebbe prevedere la riduzione a 5,29 euro, dai 7, 8 attuali, dell'importo dei buoni pasto per oltre 450 mila dipendenti pubblici di amministrazioni centrali e periferiche (gli statali). Il taglio dei buoni pasto farebbe risparmiare circa 10 milioni di euro in termini di spesa pubblica.

Altri tagli dovrebbero poi toccare il mondo della sanità: il pacchetto prevede 400 milioni, di cui circa 300 milioni verrebbero dalla revisione della filiera del farmaco con risparmi per Asl e ospedali; il resto potrebbe arrivare dalle ricette elettroniche per i medici di base e da un fondo assicurativo per risarcire i danni eventualmente provocati dalla sanità e attualmente in carico allo Stato.

BUONI PASTO: tutte le novità del 2016. Dopo anni di ristagno, finalmente i buoni pasto sono stati "aggiornati". Tante novità in arrivo: limiti più elevati totalmente detraibili, buoni pasto elettronici, ma anche più complicazioni. Vediamo quale effettivamente conviene.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il