BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui: problemi pagamento rate nel 2012. Ma Abi smentisce

Famiglie italiane in crisi per i mutui? L’Abi dice che sono solide



Le famiglie italiane starebbero in difficoltà nel pagamento mensile delle rate del mutui e circa una famiglia su quattro non pagherebbe la rata dovuta ma secondo l’Abi invece, l’Associazione bancaria italiana replica affermando che lo scenario non è così grave come viene descritto e che le famiglie italiane sono finanziariamente solide e sostengono il peso dei mutui senza particolari problemi: nel primo trimestre 2012 le nuove sofferenze in rapporto ai prestiti si attestano sull'1,2%.

Questa la risposta dell’Abi a uno studio di Bruxelles secondo cui il 25% delle famiglie non riesce a pagare il muto sulla casa. Secondo l’Abi, l'analisi della Commissione è palesemente errata rispetto alla realtà italiana.

Le famiglie che hanno chiesto di sospendere il pagamento del mutuo con la moratoria a marzo 2012 sono circa 65mila, a fronte di 3,5 milioni di mutui.

Gli ultimi dati della Banca d'Italia, riferiti al primo trimestre 2012, evidenziano che le nuove sofferenze in rapporto ai prestiti si attestano sull'1,2%, addirittura in diminuzione rispetto ai valori registrati nel 2011 e nel 2010. Inoltre, le modalità di erogazione del credito in Italia hanno consentito alle famiglie di accedere all'acquisto dell'abitazione, ha osserva poi l'Abi.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il