BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spending Review e statali: stipendi bloccati, licenziamenti, permessi ridotti, ferie obbligatorie

La scure della spending review sugli statali: le misure



Sembra che la scure della spending review del supercommissario Enrico Bondi si sia concentrata molto sulla pubblica amministrazione: dalla bozza emergono infatti permessi sindacali ridotti per i dipendenti pubblici, buoni pasto non oltre 7 euro, ferie obbligatorie a Ferragosto e fine anno.

Per quanto riguarda la sanità, previsto un taglio di 30mila posti letto e scure sulle farmacie; saranno poi ridotte le Province, meno risorse alle Regioni, alle Università, alle missioni di pace, dimezzata la spesa in auto blu e l’aumento dell’Iva sarà congelato a tutto il 2012.

Entrando più nel dettaglio delle misure previste per il mondo degli statali, a partire da gennaio del 2013, i permessi sindacali saranno ridotti del 10%; a partire poi dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre 2014, lo stipendio dei dipendenti delle società pubbliche non potrà superare quello del 2011 e saranno sospesi i concorsi per l'accesso alla prima fascia dirigenziale, non oltre il 31 dicembre 2015.

Gli uffici pubblici resteranno chiusi nella settimana di Ferragosto e in quella tra Natale e Capodanno e gli statali saranno messi obbligatoriamente in ferie. Prevista, inoltre, l'impossibilità per gli statali di monetizzare ferie, riposi e permessi non goduti. La disposizione si applica anche in caso di cessazione del rapporto di lavoro per mobilità, dimissioni e pensionamento.

La violazione di queste disposizioni fa scattare automaticamente un'azione disciplinare ed amministrativa per il dirigente responsabile, oltre al recupero delle somme indebitamente erogate. Saranno, inoltre, vietate le consulenze affidate a chi è andato in pensione

I contatti per il servizio di pagamento degli stipendi saranno rinegoziati con un abbattimento di almeno il 15%. Confermato, infine, il taglio della pianta organica del 20% per i dirigenti e del 10% per tutti gli altri dipendenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il