BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti in rosso e scoperti: nuove regole 2012 in vigore con legge approvata

Andare in rosso e tassi da pagare: le novità



Andare in rosso sul proprio conto corrente? Ad aiutare i correntisti italiani in questa situazione di difficoltà arrivano le nuove regole su commissioni e tassi applicabili.

Il nuovo decreto prevede che, oltre ovviamente ai tassi debitori sulle somme utilizzate effettivamente dai clienti, la struttura dei costi bancari includa solo due tipi di commissione: una omnicomprensiva per la messa a disposizione dei fondi che non può eccedere lo 0,5% di ciò che viene accordato per trimestre; e una di istruttoria veloce per gli scoperti di conto ed utilizzi extrafidi commisurata ai costi ed espressa in misura fissa e valore assoluto.

Non possono quindi essere previsti ulteriori costi al cliente come la commissione d’istruttoria o le spese relative al conteggio degli interessi. Il decreto spiega inoltre che il tasso d’interesse si applica solo sulle somme utilizzate e per il periodo in cui lo sono gli sconfinamenti (articolo 4 del decreto).

Al cliente, oltre agli interessi specifici previsti applicati solo sulla somma eccedente il conto o il fido e per il periodo relativo, viene attribuita una commissione di istruttoria veloce, determinata in ogni contratto in misura fissa e in valore assoluto e commisurata ai costi della banca. Per i consumatori la commissione non si applica come si è detto per sconfinamenti occasionali fino a 500 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il