BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spending Review: tagli e licenziamenti dipendenti enti pubblici, militari oltre che statali

Tagli militari e statali: i numeri della spending review



Non solo tagli all’istruzione, alla giustizia: il nuovo decreto sulla spending review prevede tagli anche negli enti pubblici e nel mondo militare.

Dovrebbero essere circa 200 mila i posti tagliati dagli organici della pubblica amministrazione .Per i tagli su ministeri e enti pubblici, sarà applicata la regola già seguita dalla presidenza del Consiglio e dal ministero dell'Economia, cioè un taglio della pianta organica, e quindi dei posti a disposizione, pari al 20% per i dirigenti e al 10% per gli altri dipendenti.

Tra enti pubblici non economici e ministeriali, considerando che il settore conta circa 300 mila lavoratori, secondo le stime del governo, questo capitolo dovrebbe portare a una riduzione di 30-35 mila posti. Per quanto riguarda i tagli che toccheranno i militari, il decreto ridurrà il totale degli organici in misura non inferiore al 10% e quindi, considerando che sono circa 200 mila persone, la riduzione dovrebbe essere di 20 mila posti.

I tagli più pesanti riguarderanno, invece, Regioni ed enti locali e, comprendendo anche la sanità, si parla di circa un milione e 200mila lavoratori e il decreto potrebbe portare al taglio di circa 150mila posti. Di certo si sa che nessun dipendente pubblico verrà licenziato improvvisamente. Ci vorrà un bel pò di tempo, perchè, una volta fissati i tagli per le singole amministrazioni, infatti, toccherà ai ministeri cercare discendere sotto quella soglia con i pensionamenti già programmati tra 2013 e 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il