BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 2012 giovani coppie a tassi agevolati: come fare domanda. I requisiti

Sempre più difficile ottenere mutui per le giovani coppie: come fare



Ottenere mutui per le giovani coppie in questo momento storico sembra un’impresa decisamente ardua. Primo per le condizioni sempre più rigide richieste dalle banche, poi per la poca informazione dalle stesse date ai clienti e, situazione non certo di poco conto, molti ragazzi oggi sono precari e per loro è del tutto impossibile avere un mutuo.

Da un'inchiesta di Altroconsumo emerge che il fondo di garanzia governativo per i mutui ai giovani precari, istituito il 1 settembre del 2011, viene di fatto boicottato dalle banche, che preferiscono proporre mutui a tassi d'interesse superiori a quelli proposti un anno fa e solo nove agenzie su 71 hanno adempiuto a questo obbligo di trasparenza segnalando ai giovani futuri mutuatari la possibilità di usare le condizioni di questo fondo che ha una dotazione (a regime) di 50 milioni di euro.

Il fondo, gestito da Consap, svolge la funzione di garante per le giovani coppie per una copertura fino ai 75 mila euro. Le condizioni per beneficiare di questo fondo prevedono innanzitutto che gli immobili acquistati non siano di lusso e non superino i 90 metri quadri.

Le giovani coppie che richiedono il mutuo e fanno affidamento su questo fondo devono avere un'età inferiore ai 35 anni, un reddito Isee non superiore ai 35mila euro, non più del 50% reddito complessivo imponibile ai fini Irpef derivante da un contratto a tempo indeterminato e il mancato possesso di altri immobili ad uso abitativo.

Dall’indagine di Altroconsumo, emerge però che le banche osservate disattendono anche il regolamento Isvap che vieta loro di vendere polizze danni o vita legate al mutuo di cui sono beneficiarie. Il fondo propone, ovviamente, tassi particolarmente favorevoli, soprattutto nel caso di mutui a tasso variabile, cosa che però non viene resa nota nella maggior parte dei casi.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il