Mutui: tassi variabili migliori dei fissi almeno a Luglio-Agosto 2012

Tasso fisso o variabile: quale conviene di più



La Banca centrale europea ha tagliato il costo del denaro, portando i tassi di interesse sotto quota 1% per la prima volta nella storia dell’euro. Il nuovo tasso Bce è sceso quindi allo 0,75% e ci si chiede ora cosa cambierà per chi sta pagando un mutuo nel 2012 e se il tasso variabile sia ora più conveniente.

La risposta è molto semplice: si, attualmente un mutuo a tasso fisso è decisamente più conveniente, nel breve periodo, per gli analisti sicuramente per questi mesi di luglio e agosto 2012, considerato che il taglio dei tassi della Bce ha portato le rate mensili a scendere.

Ma attenzione, perché non per molto i parametri di riferimento (Euribor, tasso BCE) riusciranno a mantenersi su questi minimi storici per cui a lungo termine chi ora è favorito dall’aver acceso un mutuo a tasso variabile, potrebbe pagare cara questa scelta.

Meglio allora, pagare un po’ di più oggi, scegliendo un tasso fisso, ma assicurandosi una rata stabile non soggetta alle oscillazioni di mercato. Per fare qualche esempio, su una richiesta di un mutuo trentennale, dal valore di 100 mila euro, per acquistare un immobile dal valore di 200 mila euro, i mutui più convenienti a tasso variabile sono quelli offerti da Cariparma e Webank, mentre tra quelli a tasso fisso spiccano tra i migliori quelli offerti da Bipiemme, Cariparma e Webank,

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il