BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Precari: statistiche 2012. Chi sono e stipendio medio

Cresce il precariato in Italia: chi colpisce



Cresce sempre più il mondo del precariato in Italia: i precari italiani sono, infatti, 3.315.580, lo stipendio è mediamente di 836 euro netti al mese (927 euro per i maschi e 759 per le donne), solo il 15% è laureato, la Pubblica amministrazione è il principale datore di lavoro e nella maggioranza dei casi lavora nel Mezzogiorno (35,18% del totale).

Questa la fotografia del precariato in Italia realizzata dalla Cgia di Mestre. A pagare il prezzo più alto sono i giovani, con tassi di precarietà del lavoro sempre più elevati, secondo l’Ocse, l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che nel suo rapporto annuale riporta che la recente recessione ha colpito duramente l’economia italiana, il cui prodotto interno lordo è diminuito fortemente all’apice della crisi, nel 2009.

E aumenta la precarietà dei giovani sul lavoro: un giovane su due ha un lavoro precario. Dalle statistiche Ocse emerge che il 49,9% dei giovani italiani tra i 15 e 24 anni occupati hanno contratti temporanei, in aumento dal 46,7% del 2010 e dal 44,4% del 2009 (e dal 26,2% del 2000), contro una media Ocse nel 2011 del 25,3% e la media dell'11,8% del lavoratori italiani tra 25 e 54 anni. Questo spiega anche, secondo l'Ocse, perché i giovani in Italia sono anche i primi a perdere il lavoro quando le condizioni economiche peggiorano.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il