BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni a rischio: Ministro Fornero e Mastropasqua rassicurano

“Nessun rischio per le pensioni”: le rassicurazioni del ministro Fornero e del presidente dell’Inps



Prima l’allarme lanciato sulle pensioni, per cui l’Insp non sarebbe in grado di sostenerle , dopo la confluenza in esso dell'Inpdap e dell'Enplas, che secondo alcuni potrebbe comportare nel breve periodo un problema di sostenibilità dell'intero sistema pensionistico pubblico, portando il disavanzo a 6 miliardi nel 2012 che diventeranno 7 miliardi di euro nel 2013 e cresceranno nel 2014, poi la rassicurazione da parte del ministro del Lavoro Elsa Fornero, secondo cui “Nessun rischio pensioni".

Secondo quanto detto dal ministro: "Il disavanzo dell'Inpdap è conosciuto dallo Stato, sarebbe stato coperto e sarà comunque coperto adesso. Il governo ha cambiato le regole e le istituzioni internazionali certificano la sostenibilità dei conti. Noi sapevamo che l'Inpdap era in profondo squilibrio che è il frutto di decisioni, di regole passate, di scarsa attenzione nelle regole per il bilanciamento tra prestazioni e contributi.

Le regole del passato non le possiamo modificare. Fino a quando l'Inpdap era separato dall'Inps, lo Stato pagava la differenza, con il trasferimento diretto. Oggi viene sempre coperto dallo Stato. Cambierà solo la modalità di copertura perché non credo ci sia un trasferimento diretto ma credo che l'Inps anticipi e poi lo Stato restituisca”.

Nessun rischio anche secondo quanto assicurato dal presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua. Secondo il presidente dell’Inps “La sostenibilità del sistema pensionistico è stata certificata da tutte le riforme che sono state fatte da ultima quella Monti-Fornero che ha avuto il gradimento della Commissione Europea, dell'Ocse, della Banca d'Italia.

La sostenibilità è qualcosa che va oltre un bilancio che rappresenta dei numeri ma non rappresenta la tendenza, quindi mi sento di poter dire che, a fronte di quello che sicuramente sono dei commenti tra il tecnico ma anche soprattutto politico, ci sono dei numeri incontrovertibili che sono dati dalla certificazione avvenuta dagli organismi europei della sostenibilità  e delle buone riforme che sono state fatte nel nostro paese”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il