Imu: nessun rialzo aliquote per seconda e terza rata

Nessun ritocco alle aliquote Imu per seconde e terze rate



Dopo il pagamento del primo acconto, scaduto lo scorso 18 giugno, si torna a parlare di pagamenti Imu, nuova tassa sulla casa che da quest’anno sostituisce l’Ici e che colpisce prime e seconde case.

Questa volta si torna a parlare di Imu in maniera meno pesante: sì perché all’indomani del primo pagamento si profila l’ipotesi di non alzare le aliquote per i pagamenti delle seconde e terze rate. Questo perché sono state fondamentalmente rispettate le aspettative di entrata che si prevedevano. Si è dimostrato, infatti, in linea con le attese il dato dell'acconto Imu sull'abitazione principale che al 18 giugno si è attestato a 1,603 miliardi di euro.

A dicembre dovrebbe raggiungere i 3,3 miliardi di euro stimati dall'Economia. A versare l'Imu sull'abitazione principale sono stati circa 16 milioni di contribuenti con un importo medio di versamento di 100 euro.

Solo il 5,5% dei proprietari (circa 877.000 soggetti) ha deciso di diluire il pagamento in tre rate: una a giugno, la seconda sempre in acconto a settembre e il saldo a dicembre. Il tutto con un importo totale per singola rata pari a 91,2 milioni di euro.

Agli 1,6 miliardi versati per l'abitazione principale vanno aggiunti gli oltre 7,9 pagati dai contribuenti sugli altri immobili. A pagare sono stati 15,9 milioni.  Ricordiamo che per l'abitazione principale, l'imposta potrà essere pagata soolo quest'anno in tre rate, ognuna delle quali pari a un terzo dell'imposta anziché il 50% previsto per la ripartizione classica tra acconto e saldo.

La rateizzazione vale però solo per i possessori di prima casa e rappresenta un’opzione per agevolare i proprietari di casa, che, nel caso non avessero problemi di pagamenti, potrebbero comunque versare l’Imu in due rate. Decidere, dunque, di pagare in due o tre rate sarà a discrezione del contribuente.

Dal 2013, poi, il calendario tornerà ad essere scandito nelle consuete due date di giugno e dicembre. Ricordiamo anche che per pagare la tassa sulla casa si potranno utilizzare i modelli telematici F24 che sono stati aggiornati, sostituendo la dicitura ‘Ici’ con ‘Imu’ e sono stati anche istituiti i codici necessari per il versamento dell'imposta, inclusi gli interessi e le sanzioni in caso di ravvedimento. Per pagare l’imposta sulla casa, Imu bisognerà compilare il modello F24,  disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate ed anche sul sito di Poste Italiane.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il