BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rating Italia tagliato da Moody's: da A3 a Baa2. I motivi e rischi

Ennesima scure di Moody’s sull’Italia: giù i titoli di Stato



Si abbatte nuovamente la scure di Moody's sull'Italia: l'agenzia ha infatti tagliato di ben due scalini il rating dei titoli di Stato, portandolo da A3 a Baa2 e mantenendo un outlook negativo. Moody's, spiegando la sua decisione, sottolinea come tra i fattori che probabilmente porteranno ad un ulteriore netto aumento dei costi di finanziamento dell'Italia ci sono anche segnali di erosione sul fronte degli investimenti esteri, oltre al rischio contagio da Grecia e Spagna, con i rischi di un'uscita di Atene dall'euro che sono saliti e il sistema bancario spagnolo sempre più in difficoltà.

 Dito puntato però anche su altri fattori: dal deterioramento delle prospettive economiche nel breve termine, nonostante le misure e le riforme decise dal governo Monti, al clima politico che, con l'avvicinarsi del voto della prossima primavera è fonte di un aumento dei rischi. Questo spiega anche l'outlook negativo, con il nostro Paese che resta sotto stretta osservazione da parte dell'agenzia di rating.

Il peggioramento dell'economia, poi, col Paese in recessione, aumenta il peso dell'austerity e delle riforme sulla popolazione italiana e questo porta le forze politiche a frenare, in qualche modo, l'azione del governo. Ma proprio quest'ultimo, riconosce però Moody's, ha dato vita ad un programma di riforme che ha davvero le potenzialità per migliorare notevolmente la crescita e le prospettive di bilancio.

Ora, se anche le altre agenzie di rating decidessero di tagliare a Baa2, i fondo di investimento, che per contratto, devono comprare solo obbligazioni e titoli di stato con AAA o AA+ non potranno più comprare i titoli italiani con ripercussioni su acquisti dei bot e btp.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il