BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Berlusconi ritorna alle elezioni come premier. Strategia e cambio simbolo Pdl

Cicchitto: “Berlusconi sarà il nostro candidato premier”



Rieccolo: non è passato neanche un anno da quando Silvio Berlusconi ha deposto le armi del sua presidenza del Consiglio, fra indimenticabili urla e applausi del popolo italiano, e rieccolo pronto ad annunciare la sua nuova candidatura per le prossime elezioni del 2013.

C’è chi ne scongiura la veridicità e c’è chi, invece, forse non aspettava altro. Mentre da Bruxelles arrivano indiscrezioni di malcontento sulla notizia. “Si, Berlusconi è candidato premier”: così il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, ha confermato ai giornalisti la notizia della candidatura dell’ex premier”.

Chicchitto prosegue spiegando che la decisione è stata presa dopo aver “esaminato le questioni riguardanti il partito, le prossime scadenze, a partire dalla legge elettorale, il rilancio del Pdl e il sostegno al presidente Berlusconi” e ha specificato che non ci sarà alcun cambio di nome del partito, come sembrava essere trapelato ieri.

Ciò che però probabilmente potrebbe cambiare è il simbolo del Pdl, che diverrebbe un aquilone tricolore che continua a testare senza sosta e che nell'immaginario collettivo dovrebbe trasmettere quel senso di ottimismo necessario a favorire la rinascita del Paese.

Il Cavaliere vorrebbe giocare la campagna elettorale facendo leva su uno spirito fortemente patriottico, che lo avrebbe indotto a prendere in esame anche alcuni simboli di partiti nazionalisti europei.

Secondo il presidente della Camera, Gianfranco Fini, Berlusconi “non avrà successo. Credo che gli italiani abbiano compreso che non è più tempo di promesse solenni, di impegni disattesi dicendo poi che la responsabilità è di qualcun'altro e di palesi conflitti di interessi”. Fortemente critico Walter Veltroni: “Berlusconi ha già fatto molto male al Paese. Un'ennesima campagna elettorale giocata come un referendum su di lui sarebbe grottesca e tragica”.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il