BusinessOnline - Il portale per i decision maker








I migliori investimenti per giovani e figli. I consigli per il 2012

Investire per i propri figli: cosa scegliere



Investire oggi per assicurare un futuro ai propri figli, come fare e quali strumenti scegliere? In un momento di crisi come quello che l’Italia in particolare, ma in generale il mondo intero, sta vivendo sembra quasi impossibile pensare di investire e mettere da parte soldi non per la vita quotidiana di oggi, che richiede molti sacrifici, ma il futuro dei propri figli.

Ma, fra chi ha possibilità di farlo e chi si impegna per sostenere i giovani del futuro, sono molti coloro che ci pensano e si chiedono quale sia la scelta migliore da fare.

Da un’analisi di CorriereEconomica si potrebbe optare per un investimento a piccole rate in un fondo o in un Etf o per l’acquisto di un titolo di Stato a lungo termine. Ma si potrebbero scegliere anche semplici conti correnti, buoni postali per i minori, o polizze che premiano gli studenti meritevoli.

Scegliendo queste polizze, a fronte di versamenti periodici su base annua, accumulano nel tempo un capitale destinato a soddisfare diverse esigenze, dal sostegno dei costi universitari, alla coperture delle spese per un master di specializzazione, dal garantire le risorse per l’avviamento di un’attività in proprio all’agevolazione nell’ingresso nel mondo del lavoro.

Una buona soluzione potrebbero essere anche i buoni postali fruttiferi per i minori, perché presentano numerose vantaggi, a cominciare dal taglio minimo di acquisto (50 euro)  e dall’azzeramento di tutti i tipi di costi e spese (di sottoscrizione, di vendita anticipata, di riscatto finale, di deposito titoli) alla certezza di un rendimento a scadenza prefissato e di un rendimento certo anche nel caso di vendita anticipata.

Prima, però,del compimento del 18esimo anno del titolare, sul valore nominale sottoscritto sono applicati tassi assai meno generosi. L’intestazione del titolo avviene da parte di un soggetto maggiorenne, che non necessariamente deve essere il genitore o il nonno, a uno minorenne.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il