BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Forza Italia: Berlusconi torna a candidarsi alle prossime elezioni. I sondaggi

L’ex premier torna a candidarsi: gli italiani non gradiscono



Silvio Berlusconi torna a candidarsi come premier alle prossime elezioni e il Pdl potrebbe tornare a chiamarsi Forza Italia: questo l’annuncio dello stesso ex premier in un’intervista alla Bild, secondo alcune anticipazioni. Ma agli italiani questo annuncio non piace e solo il 13% degli intervistati indica il fondatore di Forza Italia e del Pdl come uno dei personaggi che hanno caratterizzato positivamente la nostra storia recente.

Dal sondaggio realizzato da Demos-Coop per ‘la Repubblica delle Idee’, infatti, tra gli avvenimenti che hanno segnato positivamente l'Italia, negli ultimi trent'anni, il 55% degli intervistati indica la fine del governo Berlusconi, mentre solo il 25% la sua discesa in campo.

Intanto il Cavaliere parla e sulla situazione economica italiana Berlusconi non ha esitato ad attribuirsi dei meriti: “Se noi abbiamo di nuovo sotto controllo il nostro bilancio statale è in gran parte grazie al mio governo”. E ancora: “La mia discesa in campo 18 anni fa ha salvato l'Italia dal comunismo. Questa è la verità storica e ne sono fiero.

Sono stato l'unico leader europeo ad avere eccellenti rapporti al tempo stesso con la Russia e con gli Stati Uniti d'America, e ho fatto sentire il peso di questa amicizia in ogni circostanza in cui è servito alla pace e alla sicurezza nel mondo”.

Al giornale tedesco Berlusconi ha detto che si considera una vittima della giustizia nell'affaire del cosiddetto bunga bunga, per esempio. Per il Cavaliere si è trattato di una “campagna di diffamazione da parte della magistratura, che in parte è di sinistra. Le ragazze coinvolte sono accusate di prostituzione anche se hanno solo ballato, come in tutte le discoteche del mondo”.

Ma secondo Berlusconi tutte le accuse si smonteranno: “Tutte le accuse si dissolveranno nel nulla, come negli altri processi, che sono stati fatti contro di me. Erano più di 50 o io ho pagato più di 428 milioni di euro per avvocati e consulenze giuridiche. Io non credo che qualcun altro oltre me avrebbe resistito a così tanti attacchi”.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il