Spread Btp-Bund in forte rialzo. Scudo antispread subito per Fmi. No per la Germania

La Merkel dice no allo scudo antispread



Lo spread tra il btp decennale e l'analogo bund tedesco si avvicina di nuovo ai 490 punti base (489), dopo essere sceso in apertura a 482,8. Il rendimento del titolo del Tesoro è in rialzo al 6,12%.

Dopo le tensioni sugli spread e le minori stime di crescita dell'Fmi, sembra prevalere oggi la speculazione per possibili misure a stimolo dell'economia globale.

Il Fmi parla della possibilità di “utilizzare il futuro fondo salva Stati Esm per effettuare salvataggi diretti anche delle banche. In più i leader hanno riaffermato la volontà di prendere in considerazione acquisti di titoli di Stato sul mercato secondario da parte del Efsf e del Esm, con quello che viene comunemente chiamato scudo antispread, una proposta lanciata dall'Italia. Fino a quando non saranno state prese tutte le misure necessarie la situazione delle economie dell'area euro continuerà ad essere precaria”.

La crisi dell’Euro, dunque, per l’Fmi è “la priorità e può essere contenuta se, a fronte dell'impegno dei Paesi sotto pressione alle riforme, gli altri membri del blocco saranno disposti ad aiutare”. Difficile operazione , secondo l’Fmi, considerando le recenti prese di posizione di Germania, nettamente contraria all’entrata in vigore subitanea dello scudo anti-spread, Olanda e Finlandia.

La cancelliera tedesca ha detto che dal’ESFS-ESM, il fondo di stabilizzazione europeo cosiddetto ‘fondo europeo salva-stati’, non arriveranno soldi ai paesi in difficoltà se non saranno messi in piedi dei meccanismi di controllo sulle finanze pubbliche dei paesi dell’eurozona.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il