BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui: agevolazioni 2012 per giovani coppie sposate. Condizioni e come fare richiesta

Nuovo fondo per mutui e giovani coppie: come funziona



I giovani e le giovani coppie, in un momento storico come quello attuale che l’Italia sta vivendo, vivono la crisi non solo da un punto di vista lavorativo, davvero scoraggiante soprattutto per chi ha portato a termine un buon percorso di studi e non riesce a realizzarsi, ma anche se ha intenzioni di porre le basi per un proprio futuro iniziando dall’acquisto di una casa.

Ottenere, infatti, mutui per le giovani coppie ora sembra un’impresa decisamente ardua, innanzitutto per le condizioni sempre più rigide richieste dalle banche, poi per la poca informazione dalle stesse date ai clienti e, non da ultimo, perchè molti ragazzi oggi sono precari e per loro è del tutto impossibile avere un mutuo.

Per poter, però, accedere ad un mutuo, per i giovani è stato istituito un fondo di garanzia governativo, gestito da Consap, che svolge la funzione di garante per le giovani coppie per una copertura fino ai 75 mila euro.

Le condizioni per beneficiare di questo fondo prevedono innanzitutto che gli immobili acquistati non siano di lusso e non superino i 90 metri quadri, che le coppie che ne fanno richiesta abbiano un'età inferiore ai 35 anni, un reddito Isee non superiore ai 35mila euro, non più del 50% reddito complessivo imponibile ai fini Irpef derivante da un contratto a tempo indeterminato e il mancato possesso di altri immobili ad uso abitativo.

Altro vantaggio offerto da questo fondo riguarda gli spread: ne è previsto, infatti, uno massimo 150 punti base (1,5%) sui mutui di durata superiore a 20 anni e uno spread di 120 punti su durate inferiori, sia per il tasso variabile che per il fisso. Il problema del ricorso a questo fondo è che molte banche ‘omettono’ di prenderlo in considerazione, facendo quasi finta che non esista, in modo da portare i potenziali mutuatari ad accendere mutui bancari con relativi tassi e spread.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il