BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus ristrutturazioni-energia 50%: no modica al 55% in decreto sviluppo 2012

Modifiche dl sviluppo: per le spese di riqualificazione energetica il bonus scenderà dal 55% al 50%



Novità nel Dl Sviluppo 2012 per quanto riguarda i bonus per gli interventi di ristrutturazione e di efficienza energetica: la detrazione d’imposta, infatti, è passata al 50% con un tetto massimo pari a 96.000 euro.

Le commissioni Finanze e Attività produttive della Camera hanno dato, infatti, il via libera alle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e di efficienza energetica previste dal decreto sviluppo. Le novità più significative sono i bonus più alti per le prime e ridotti per le seconde: infatti la misura prevede che la detrazione per le ristrutturazioni edilizie passi dall'attuale 36% al 50% mentre quella per le spese di riqualificazione energetica scenda dall'attuale 55% al 50%, in entrambi i casi fino al 30 giugno 2013.

In tema di energia nel DL Sviluppo è stato approvato anche un emendamento di Stefano Saglia (Pdl) che prevede la remunerazione dei servizi di flessibilità, necessari vista la non programmabilità delle fonti rinnovabili, assicurati dagli impianti di produzione di energia elettrica abilitati. Il bonus sarà valido fino al 30 giugno 2013 e a partire dal primo luglio 2013 si ritornerà alla detrazione fiscale del 36%.

Le detrazioni riguardano anche i lavori per il recupero di immobili danneggiati da calamità naturale e per la messa in sicurezza statica e anti sismica degli edifici in via preventiva.

Il bonus è accessibile ai proprietari degli immobili, ma anche agli inquilini e ai parenti dei proprietari, visto che le detrazioni spettano a chi sostiene le spese; per contribuenti con età compresa tra 75 e 80 anni, le detrazioni sono da effettuare in 5 anni anzichè 10 anni, mentre oltre gli 80 anni si passa a 3 anni.

Per richiedere il bonus ristrutturazioni basta effettuare i pagamenti con bonifico bancario ricordando che la data del versamento è quella che alla fine conta per la detrazione; se i lavori sono ultimati entro il 30 giugno, il versamento deve essere fatto entro tale data.

Il bonifico deve essere rintracciabile, deve contenere la causale del versamento con indicazione della norma di legge, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, partiva iva o codice fiscale dell'artigiano o dell'impresa a favore del quale è stato effettuato il bonifico.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il