BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri è l'unico sistema che funziona secondo l'ex amministratore di Selex

Sistri: quali le alternative? La questione rimborsi



Mentre è stato stabilito che non vi sarà alcun rimborso per le aziende iscritte al Sistri se il sistema non verrà prima sospeso e se i nuovi controlli non decreteranno ufficialmente la sua fine, nonostante la ricerca di valide alternative al sistema ancora mai entrato in vigore, secondo l’ex amministratore delegato Stornelli di Selex, la società che avrebbe dovuto occuparsi della messa in opera del sistema di tracciabilità dei rifiuti, è l’unico meccanismo che può funzionare in tal senso.

Di proroga in proroga l'Italia è senza tracciabilità dei rifiuti come chiede invece l'Europa e dopo lo stop, ciò a cui si punta ora sono eventuali valide alternative all’entrata in vigore del sistema, necessarie, perchè imposte anche dall’Unione europea. Intanto le aziende non dovranno pagare contributi 2012.

Per quanto riguarda i rimborsi, sono state rimandate ai mittenti le richieste di rimborso dei contributi versati per gli anni 2010 e 2011 da parte delle aziende iscritte al Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti che, come sappiamo, prorogato al prossimo anno, se tutto andrà bene.

La richiesta di Futuro e Libertà di un emendamento per chiedere ufficialmente che venissero rimborsate le quote versate dagli operatori, si da parte del governo che delle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera, è stata ignorata, provocando malcontento fra tutti coloro che da tempo lamentano di aver dovuto sottostare al pagamento di una quota per un sistema di fatto mai partito.

Il governo ha detto no ai rimborsi giustificando il rifiuto spiegando che i rimborsi saranno una strada percorribile soltanto se il sistema verrà definitivamente accantonato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il