BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rating Germania: outlook negativo da Moody's. AAA a rischio taglio. I motivi e la replica

Moody's rivede al ribasso l' outlook di Germania, Olanda e Lussemburgo: i motivi



Finisce nel mirino di Moody’s per la prima volta anche la Germania:  l'agenzia idi rating rivede al ribasso l'outlook di Germania, Olanda e Lussemburgo a 'negativo' da 'stabile' in seguito all'incertezza sul risultato della crisi e anche per l'aumento del rischio che Italia e Spagna possano avere bisogno di aiuti dato il deterioramento macroeconomico.

La Germania viene dunque bocciata per la prima volta, a causa dei costi che il salvataggio dell'euro comporta per lei. L'agenzia di rating sottolinea che sulle prospettive di un mantenimento del rating massimo (AAA) per Germania, Olanda e Lussemburgo pesa innanzitutto la crescente incertezza sulla crisi del debito nell'eurozona, l'attuale quadro politico, la sempre più probabile uscita della Grecia dall'euro che avrebbe un impatto negativo anche per Spagna e Italia.

Per Moody's, inoltre, “anche se tale evento fosse evitato, c'è una sempre maggiore probabilità che venga richiesto ampio sostegno per altri debiti sovrani dell'area euro, in particolare Spagna e Italia. E, data la maggiore capacità di assorbire i costi legati a questo sostegno, il peso cadrebbe probabilmente più pesantemente sugli Stati membri dal rating più alto se l'area dell'euro dovrà essere preservata nella sua attuale forma”.

Questa motivazione rischia di rafforzare a Berlino la posizione di quanti sono contrari a nuovi aiuti alla Grecia o agli altri paesi sudeuropei deboli e iperindebitati.  Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha commentato dicendo che “il giudizio di Moody’s è unilaterale e ingiusto.

La Germania resta l'ancora di stabilità dell'Unione europea, i suoi dati fondamentali sono solidi, solido è anche il suo settore bancario”. Poi Schaeuble ha aggiunto: “Tratteremo con i partner europei per trovare al più presto un'uscita dalla crisi”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il