BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spread Btp-Bund e Bonos: Bce pronta ad intervenire contro crisi euro. Ma la Germania non ci sta

Bce pronta a tutto per salvare l’euro ma Berlino dice no



La Bce si dice pronta a tutto per salvare l’euro, tanto che le parole di rassicurazione del presidente Mario Draghi hanno portato il differenziale tra i Btp italiani ed i bund tedeschi sotto quota 450 punti, dove da non arrivava dal 4 luglio scorso.

Ad influenzare, questa volta positivamente, l’andamento dello spread le anticipazioni del quotidiano Le Monde, secondo cui la Bce starebbe preparando un'azione coordinata con i vari stati per far scendere il costo del finanziamento per Italia e Spagna.

Secondo Le Monde, che cita un responsabile europeo, la Bce non agirà da sola: partiranno interventi in parallelo con i fondi anticrisi Ue, prima il Efsf poi l'Esm quando sarà operativo, che acquisteranno titoli di Stato dei due Paesi alle aste di emissione.

Ma la Bundesbank si dice contraria al programma Bce di acquisti di titoli sovrani dell'eurozona e si oppone all'idea di dotare il fondo salva-Stati Esm di licenza bancaria. Secondo quanto comunicato da un portavoce della Bundesbank a Bloomberg, un riavvio degli acquisti di bond da parte della Bce rendererebbe “confusa la demarcazione tra politica monetaria e fiscale”.

Anche la portavoce del ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, ha ribadito che il governo tedesco non cambia linea e ribadisce di essere contrario a concedere una licenza bancaria per il futuro meccanismo europeo di stabilità Esm, e ha annunciato che “il governo tedesco è impegnato a fare ogni sforzo per mantenere insieme l'eurozona ma la posizione di Berlino non è cambiata”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il