BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Btp, Etf, Obbligazioni estere: i risultati degli investimenti diversificati durante crisi euro

Diversificare durante la crisi: i consigli per investire oggi



L’incertezza dei mercati e l’andamento altalenante di azioni, bond e materie prime spingono gli esperti a dare un consiglio unanime a chi decide di investire: diversificare il proprio portafoglio.

Secondo quanto riportato da Corriereconomia, “il concetto di diversificazione va in coppia con quello di correlazione”, come ha spiegato Raffaele Zenti, responsabile della consulenza finanziaria di Advise Only sim. “La capacità dei diversi investimenti di muoversi simultaneamente (o di non farlo) è una delle variabili che influenza moltissimo il risultato finale.

La paura è più contagiosa dell’ottimismo e quindi il potere della diversificazione quando tutto va male viene messo a dura prova dalla tendenza degli asset ad andare tutti nella stessa direzione”.

In questo contesto tengono comunque l’oro, che resta il bene rifugio per eccellenza,  i titoli dei Paesi considerati sicuri, come gli Emergenti, da molti considerati, eccezion fatta per l’India che sembra decadere, il futuro dell’economia mondiale.

A confermare la necessità di diversificare il proprio portafoglio di investimenti, l’andamento di tre diversi portafogli, elaborati da Advise Only e pubblicati lo scorso dicembre sul Corriere, che prevedevano investimenti diversificati, utilizzando titoli di Stato ed Etf, cioè fondi quotati che replicano indici di mercato azionari ed obbligazionari.

Il risultato peggiore è stato quello costituito da una notevole porzione (60%) di Btp brevi e Cct, di azioni di Borsa europea, un titolo di Stato belga e titoli. A seguire troviamo la performance del 7,22%, pensato da chi non si fida per i pessimisti, che puntavano a proteggersi da un destino negativo per l’euro, composto da titoli di Stato con al massimo un paio di anni di vita residua e tutti extra euro, dall’Australia alla Svezia, dalla Norvegia al Canada, passando per gli Usa e la Danimarca. L’ultimo 10% viene invece diviso tra l’oro e un paniere di bond dei Paesi Emergenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il