BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ilva di Taranto: chiusura fabbrica confermata. Le ultime notizie operai, associazioni e politici

Sequestrati gli impianti dell’Ilva: la situazione



Sono iniziate all’Ilva di Taranto  le procedure per eseguire il sequestro di sei impianti dell'area a caldo dell'impianto disposto dalla magistratura giovedì scorso. I tecnici sono incaricati dal gip di avviare le procedure tecniche per il blocco delle specifiche lavorazioni e per lo spegnimento.

Nell'inchiesta sono anche stati messi agli arresti domiciliari otto tra dirigenti ed ex dirigenti dello stabilimento siderurgico. Sulla questione dell'Iva è intervenuto anche il comune di Taranto: Il consiglio ha approvato un ordine del giorno riguardante la preoccupante situazione ambientale e produttivo-occupazionale verificatasi in seguito alle vicende dell'Ilva.

Nel documento il sindaco si impegna a compiere tutti gli atti necessari, tra cui l'attivazione di una cabina di regia per Taranto, per il governo del territorio e dell'ambiente, per cercare una soluzione che combini il diritto al lavoro con quello alla salute.

Intanto, Confindustria e rappresentanti politici e istituzionali, amministratori locali e parlamentari, ritengono che l'Ilva di Taranto non può essere chiusa ma bisogna procedere concretamente sulla strada che salvaguardia la produzione e il lavoro con la difesa dell'ambiente e della salute.

Il neopresidente dell'Ilva, Bruno Ferrante, si è detto sorpreso per la tempistica dell’arrivo dei tecnici e ha detto: “Vedremo quali saranno le loro decisioni nei prossimi giorni ma quanto successo non cambia la nostra voglia di lottare e difenderci in tutte le sedi istituzionali. Non abbiamo nulla da nascondere”.

Ferrante, che giudica parziali le perizie della procura, intende spiegare ai magistrati come l'Ilva ha speso più di un miliardo di euro per l'ambientalizzazione dello stabilimento di Taranto e i risultati raggiunti'. “Siamo sempre disponibili a ragionare con il governo centrale e locale su soluzioni che possano coniugare ambiente e lavoro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il