BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 8 Rtm disponibile. Ora la versione finale il 26 Ottobre 2012

Windows 8 da oggi disponibile per gli sviluppatori



Windows 8 è finalmente pronto e Microsoft ha iniziato a distribuire il nuovo sistema operativo agli OEM (Original equipment manufacturer, i produttori di PC) e ad altri partner.

Conclusi i lavori su entrambe le versioni, a 32 e 64 bit, e sulla soluzione gemella Windows RT dedicata alle piattaforme ARM., il nuovo Windows 8 sarà disponibile per tutti a partire dal prossimo 26 ottobre sui nuovi computer. Windows 8 non è un sistema operativo per computer ma un ibrido capace di adattarsi a qualsiasi prodotto, dai PC desktop ai notebook di ogni taglia e potenza fino ai tablet, dotati sia di chip x86 (Intel o AMD) sia ARM.

A comunicare la notizia è stato Steven Sinofsky, a capo della divisione Windows. Sinofsky ha spiegato: “Le anteprime di Windows 8 (Developer, Consumer, Release) sono state le versioni di test più usate rispetto a qualsiasi altro prodotto che abbiamo mai realizzato. Oltre 16 milioni di PC hanno partecipato attivamente a queste fasi, di cui circa 7 milioni alla Release Preview distribuita otto settimane fa.

La profondità e l'ampiezza del test avvalorano quanto Windows 8 sia pronto per il mercato”.  I possessori di Windows XP, Vista o Windows 7, qualsiasi edizione, potranno aggiornare i propri sistemi a Windows 8 Pro spendendo 39,99 dollari (promozione fino al 31 gennaio 2013).

Inoltre, chi lo desidererà potrà scaricare gratuitamente la nuova versione di Windows Media Center, che non sarà integrata nativamente nel sistema operativo, ma sarà a pagamento. Chi ha acquistato un PC Windows 7 dallo scorso 2 giugno (fino al prossimo 31 gennaio), potrà aggiornare il sistema operativo a Windows 8 Pro a soli 14,99 dollari.

Da oggi, invece, gli sviluppatori di app Metro possono iniziare a sottoporre all'azienda le applicazioni a pagamento, con un prezzo da 1,49 a 999,99 dollari, per il Windows Store.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il