BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa: prove e test con sanatoria. Rivisti risultati e domande da Miur. Le novità

Dopo ammissione errori ai Tfa, crescono gli ammessi alla seconda prova



Dopo i grossolani errori verificatisi nei mesi scorsi nello svolgimento delle prove di accesso ai Tfa, tirocini formativi attivi nati quasi in sostituzione della vecchia Siss, che permettono di poter insegnare alle scuole medi e superiori, ora il Miur cerca du rimediare ai propri errori.

Decine di migliaia di aspiranti insegnanti lo scorso luglio hanno affrontato la prima prova di accesso di Tfa, divisa in classi di materie. I candidati, per essere ammessi ai due livelli successivi, dovevano rispondere in maniera corretta ad almeno 42 quesiti su un totale di 60. Numero dei ‘bocciati’ superiori alle aspettativi. Il motivo? Grossolani errori e non nelle risposte, bensì nelle domande.

In otto atenei, tra cui Milano, Cagliari, Sassari, Urbino, Trento, nessuno è riuscito a superare la prova; nella classe di concorso A036 per insegnare filosofia, psicologia e scienze dell'educazione, su migliaia di candidati, solo 141 su 588 posti disponibili sono passati.

Dopo aver diramato una nota per scusarsi dell’accaduto, il Ministero ha riconosciuto gli errori, rivedendo anche i risultati e ha ammesso di aver sbagliato a formulare da un minimo di quattro quesiti nella classe di fisica a un massimo di 25 su 60 per quelle di elettrotecnica e scienze naturali, arrivando a 22 per elettronica, 16 per informatica, 13 per storia e filosofia, 10 per matematica, ed è cresciuto notevolmente il numero di candidati ammessi alla seconda prova.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il