BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu seconda rata: data scadenza a settembre per pagamenti in 3 tranche. Il calcolo

Si avvicina la nuova scadenza Imu: quanto si pagherà



Dopo il primo pagamento dello scorso 16 giugno, che ha creato non pochi problemi ai possessori di case italiani, si avvicina la seconda scadenza per il pagamento dell'Imu, la nuova tassa sulla casa che da quest'anno sostituisce la vecchia Ici, previsto per il 16 settembre.

E non finisce qui, perchè c'è un terzo appuntamento fissato per il 16 dicembre. Se nella prima e nella seconda si pagha un terzo dell’imposta, nella terza, quella che si pagherà a dicembre, verranno considerate anche le aliquote stabilite dai diversi Comuni italiani.

Per il pagamento della prima rata, i contribuenti hanno calcolato l'importo della tassa, moltiplicando per 160 la rendita catastale (rivalutata del 5%), applicando l'aliquota di base (il 4 per mille sulla prima casa, il 7,6 per mille su tutti gli altri immobili), meno le detrazioni forfettarie, che sono pari a 200 euro più 50 euro per ogni figlio a carico di età fino a 26 anni.

Con l’avvicinarsi della seconda rata di settembre, che toccherà a coloro che hanno scelto per quest’anno la rateizzazione, cresce nuovamente il timore degli italiani di pagamenti troppo alti. In realtà, la seconda rata prevede un pagamento ammonta al 33% dell'importo calcolato prendendo come base di calcolo le aliquote base, ossia il 4 per mille per la prima casa ed il 7,6 per mille per seconde case, uffici, negozi.

Si tratta della stessa quota della prima rata. Ciò che rappresenterà una vera e propria stangata sarà la terza rata, quella di dicembre.

A dicembre, infatti,con il saldo, si pagherà il resto, tenendo conto delle aliquote effettivamente stabilite nel frattempo dal Comune di residenza, che possono essere il 2 per mille in più o in meno per la prima casa (quindi dal 2 al 6 per mille) e il 3 per mille in più o in meno sugli altri immobili (per i quali l'Imu può variare, dunque, da un minimo dello 0,46% al massimo dell'1,06%). 


 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il