Taglio rating banche italiane da Fitch. Elenco istituti. Previsioni negative Pil 2012-2013

Fitch declassa sette banche italiane: i motivi



L'agenzia Fitch ha tagliato nuovamente il rating di alcuni istituti di credito italiani, sette per la precisione. Questo nuovo taglio segue quello di metà agosto stabilito da Standard & Poor's che aveva declassato quattro banche italiane.

Inoltre, Fitch minaccia il rating di tripla A degli Usa e vede nero sull'Italia, con una previsione di Pil negativo dell'1,9% per quest'anno e crescita zero il prossimo. Nel dettaglio Banca Popolare di Sondrio, Banco di Desio e della Brianza sono state declassate a 'BBB+' da 'A-'; Banca Popolare di Milano a 'BBB-' da 'BBB'; Banca Carige, Banca Popolare di Vicenza, Credito Valtellinese e Veneto Banca a 'BB+' da 'BBB'.

Confermati invece i giudizi 'BBB' per Banca Popolare dell'Emilia Romagna a 'BBB+' per Credito Emiliano. L'outlook è negativo per tutte le banche a causa della pressione esercitata dal difficile contesto operativo. La liquidità dei nove gruppi bancari ha, infatti, subito pressioni nell'ultimo anno, e le condizioni di finanziamento si sono deteriorate, con tutte le banche che hanno richiesto fondi alla Bce, sebbene in differenti misure.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il