BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: come sapere se si rientra nella Riforma Fornero. Scadenza il 21 Settembre 2012

Esodati: chi sono i potenziali salvaguardati



Continua a tener banco la questione esodati e la novità è che entro il 21 settembre bisognerà verificare chi si salva dalle nuove norme sugli esodati. Spetta in questo caso all’Inps con le sue agenzie territoriali mettere in atto le procedure preliminari di verifica della potenziale inclusione del lavoratore tra i soggetti salvaguardati.

Questa operazione dovrebbe concludersi entro fine settembre e successivamente verrà  stilato un elenco definitivo, il cui criterio ordinatorio della sarà quello della data di cessazione del rapporto di lavoro. I numeri effettivi dei lavoratori potenzialmente in possesso dei requisiti per accedere al beneficio della salvaguardia stanno quindi per essere determinati ufficialmente.

Fra i potenziali beneficiari della salvaguardia pensionistica i lavoratori in mobilità ordinaria e lunga, titolari di assegno straordinario erogato dai Fondi di solidarietà e autorizzati al versamento della contribuzione volontaria. Questi soggetti potrebbero accedere alla pensione secondo le vecchie regole, in vigore prima della riforma previdenziale.

Ad essi l’Inps sta inviando una lettera, contenente l’invito a recarsi presso lo Sportello Amico dell’Inps o presso i patronati, entro il 21 settembre. Lo scopo è quello di verificare le singole situazioni contributive e assicurative del lavoratore incluso nella lista dei potenziali salvaguardati.

Gli utenti, dunque, potranno rivolgersi a tutti gli uffici dell’Inas sia per un controllo dei dati in possesso dell’Inps, sia per la successiva presentazione, in via telematica, della domanda di pensione. Dovranno invece fare domanda di accesso alla lista i lavoratori che hanno risolto il rapporto di lavoro sulla base di accordi individuali o collettivi, gli esonerati del pubblico impiego o chi è in congedo straordinario per l’assistenza ad un figlio disabile.

Per loro sarà necessario presentare una richiesta apposita, entro il 21 novembre, alla Direzione Territoriale del Lavoro, che comunicherà all’Inps l’effettiva esistenza dei requisiti necessari per rientrare nella platea dei derogati. Anche questi lavoratori potranno far ricorso all’assistenza del patronato, per essere seguiti nell’intera procedura.


 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il