Sulcis: i minatori continuano la protesta. Uno si taglia le vene. Le soluzioni possibili

La protesta dei minatori della Carbonsulcis: i motivi



Protestano da giorni a quasi 400 metri di profondità i minatori della Carbosulcis. Per il piano Sulcis della Regione e della Provincia però non ci sono fondi aggiuntivi al di là di quelli europei, quasi 350 milioni di euro, non ancora programmati del Par Fas 2007-2013 e del Po Fers per le aree di crisi che la regione ha messo a sistema.

La necessità è quella di sostituire un punto del piano, quello che prevede incentivi. Si tratta del punto 2, il progetto integrato CCs (carbon capture and storage) per la realizzazione di una centrale termoelettrica alimentata anche con il carbone del Sulcis e dotata di un sistema di cattura e confinamento geologico dell'anidride carbonica.

Cresce, intanto, l'esasperazione dei minatori: “Siamo disperati”, hanno detto gli operai e uno dei leader della protesta, Stefano Meletti, della Rsu Uil, particolarmente agitato, si è tagliato un polso gridando: “é questo che dobbiamo fare, ci dobbiamo tagliare?”.

Quello di Meletti è stato un gesto che ha colto tutti di sorpresa, giornalisti e minatori stessi. Il sindacalista della Rsu è stato subito bloccato dai colleghi che erano attorno a lui e le sue condizioni sono buone, ha solo ferite superficiali. In quelle miniere a far compagnia al più nutrito gruppo di colleghi uomini ci sono anche quattro donne: Valentina, Giuliana, Valeria e Alice, tutte 'figlie d'arte”, con generazioni di minatori alle spalle. “Sono il segno che noi teniamo alla famiglia come valore fondamentale”.

Il Piano per lo sviluppo del Sulcis, proposto da Regione e Provincia e ora all'esame delle strutture tecniche del ministero, è una buona base di partenza, hanno fatto intanto sapere dal Mise che si dice pronto a “perseguire l'attuazione di strategie e investimenti finalizzati a riconvertire le produzioni esistenti, ove sia possibile farlo, e a favorire la creazione in tempi adeguati di iniziative durature di sviluppo sostenibile”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il