BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi euro: scudo antispread a condizioni più semplici. E Cina acquisterà Btp e Bonos

Bce e investimenti Cina a sostegno della crisi europea



Dopo l’ultimo tonfo per le Borse europee, lo spread fra Btp e Bund nuovamente salito e la Regione autonoma spagnola della Catalogna pronta a chiedere un aiuto finanziario di 5,023 miliardi allo Stato centrale a causa di difficoltà nel rifinanziamento come già altre Regioni della Spagna, il 6 settembre il presidente della Bce Mario Draghi spiegherà in che modo la sua banca potrà acquistare titoli di Stato dei Paesi in difficoltà.

E quello sarà il giorno in cui tutti i Paesi membri dell’Unione, Spagna e Italia in prima fila, Draghi sarà ascoltato con grande attenzione. Il Memorandum d’intesa da firmare e rispettare per ottenere il sostegno di Bruxelles è un documento, che gli addetti ai lavori definiscono leggero, in continuità con ciò che l’Italia e la Spagna si sono già impegnate a fare.

Intanto a sostegno della ripresa europea si impegna anche la Cina: l premier cinese Wen Jiabao ha, infatti, assicurato che Pechino vuole continuare a investire in Europa. “Il rafforzamento della cooperazione contribuirà a superare la crisi del debito europeo”,  ha detto il premier cinese, al termine dei suoi colloqui con la cancelliera tedesca Angela Merkel, ribadendo che “La Cina continuerà a investire nell'Unione europea”.

Primo passo di questo impegno è quello della banca cinese Icbc che ha siglato un accordo con Airbus per l'acquisto di 50 aerei A320, del valore di 3,5 miliardi di dollari. L'intesa è stata siglata nell'ambito della visita della cancelliera tedesca Merkel a Pechino.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il