BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa: accolti ricorsi per test-prove tirocini per diventare insegnanti. Ma c'è ancora confusione

Tfa: accolti ricorsi Tar Lazio



La prima selezione di accesso al Tfa, tirocinio formativo attivo dedicato agli insegnanti, ha creato non poche polemiche a causa di diversi errori, riconosciuti dal ministero, nella formulazione delle domande, aprendo ad un numero di candidati maggiori ammessi alla seconda prova rispetto a quelli che effettivamente hanno superato la prima prova, decisamente viziata.

Migliaia di aspiranti insegnanti, infatti, lo scorso luglio hanno affrontato la prima prova di accesso di Tfa, divisa in classi di materie. I candidati, per essere ammessi ai due livelli successivi, dovevano rispondere in maniera corretta ad almeno 42 quesiti su un totale di 60, ma il numero dei ‘bocciati’ ha notevolmente superato le aspettative.

Per garantire la massima trasparenza, però, il Ministero ha fatto sapere che sarà possibile accedere agli atti delle prove, consultabili sul sito del Ministero. Per accedere alle schede di verifica dei test di ogni classe di concorso, gli interessati potranno inoltrare specifica istanza all’indirizzo di posta elettronica certificata del Dipartimento Istruzione dpit@postacert.istruzione.it, indicando la motivazione, la classe di concorso per la quale hanno partecipato ed il proprio indirizzo postale ed elettronico.

Intanto, il Tar Lazio ha accolto più di dieci ricorsi presentati dall'Associazione A.D.I.D.A. (Associazione Docenti Invisibili da Abilitare) per conto degli gli insegnanti esclusi dal Tirocinio Formativo Attivo. Per Adida il concorso e il decreto che ha generato i TFA sono illegittimi e pesantemente viziati e per questo l'associazione richiede che sia concesso ai precari che essa rappresenta l'accesso diretto ai suddetti corsi e sia riconosciuta loro la qualificaitante.

Il Legislatore deve prendere contezza e risolvere il problema dei precari di III fascia d'Istituto della scuola. E' per questo che Adida chiede un tavolo politico e tecnico sulla questione e continuerà con i suoi ricorsi in tutte le competenti sedi.

Ora manca poco all'inizio della suola e dai dati forniti dal Cineca per classi di concorso e atenei risulta che almeno 4mila posti resteranno scoperti per mancanza di candidati e i buchi più grossi riguardano lettere per le scuole medie e gli istituti superiori (circa 2mila posti scoperti) e materie letterarie, latino e greco nel liceo classico (210 assenze).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il