BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2012: graduatorie e requisiti. I chiarimenti del Ministro Profumo

Nuovo concorso scuola: il ministro dell’Istruzione chiarisce alcuni dubbi



Si svolgerà su base regionale solo per alcune classi di concorso, circa una trentina, quelle con maggiore carenza di posti, il nuovo concorso per la scuola.

Vi potranno partecipare coloro che hanno l’abilitazione all’insegnamento conseguita entro la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda; per la primaria, chi ha titoli di studio conseguiti al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998, o comunque conseguiti entro l’anno scolastico 2001-2002; per i posti della scuola dell’infanzia, possono partecipare coloro che sono in possesso del titolo di studio conseguito al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, oppure dei corsi quadriennale o quinquennale sperimentale dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998, o comunque conseguiti entro l’anno scolastico 2001-2002.

Per medie e superiori, poi, possono partecipare quanti alla data di entrata in vigore del D.I. 24 novembre 1998, n.460 erano già in possesso di un titolo di laurea o di un diploma conseguito presso le accademie di belle arti e gli istituti superiori per le industrie artistiche, i conservatori e gli istituti musicali pareggiati, gli ISEF, che alla stessa data di entrata in vigore del suddetto decreto consentivano l’ammissione ai concorsi ordinari, o ancora coloro che abbiano conseguito quei titoli entro l’anno accademico 2001-2002, se si tratta di corso di studi quadriennale o inferiore; entro l’anno accademico 2002-2003, se si tratta di corso di studi quinquennale; entro l’anno accademico 2003-2004, se si tratta di corso di studi esennale.

Per vincere il concorso bisonerà superare una prova selettiva, che consisterà in un test a risposte multiple (quiz); chi supererà la preselezione potrà poi accedere alla prova scritta che si svolgerà a gennaio 2013 e si tratterà di una prova di verifica delle competenze disciplinari con domande su argomenti specifici; chi, infine, supererà la prova scritta avrà accesso a quella orale, che consisterà in una simulazione di una lezione per verificare l’abilità didattica dell’insegnante.

Per quanto riguarda l'assunzione di suddetti insegnanti nel mondo della scuola, a chiarire come andranno le cose è stato lo stesso ministro dell'Istruzione Profumo, che ha precisato che i posti che saranno assegnati con il bando di concorso riguarderanno le classi che non hanno più personale in graduatoria.

Poi ha spiegato: “In questi giorni si sta procedendo ad una sorta di ‘mappatura’  e probabilmente il concorso riguarderà 17 macro-classi, aree disciplinari, che sono in tutto 20”.

Il Ministro Profumo ha poi anche chiarito che “le attuali graduatorie dei precari della scuola non si toccano: non saranno cancellate e verranno man mano esaurite. Si svuoteranno man mano perché il 50% dei posti sarà coperto attingendo da lì e un altro 50% attraverso il concorso. Una volta svuotate, non ci saranno più graduatorie derivanti dai concorsi ma solo concorsi che avranno un numero di vincitori pari ai posti a disposizione”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il